Car pooling per studenti universitari: la nuova app made in Bergamo

Si chiama U.Go ed è stata creata da quattro studenti neolaureati per ottimizzare i viaggi verso l’università

Creatività social, fantasia, innovazione e quel coraggio che a vent’anni non può proprio mancare. Nascono così le “start-up”, le aziende innovative che puntano tutto sulle tecnologie informatiche e sulla comunicazione digitale. Anche a Bergamo, quelle che superano le fasi iniziali, possono consolidarsi e crescere in tempi estremamente rapidi. È il caso di U.Go! la Srl fondata a Bergamo da Rossella Migliorati insieme a quattro amici neolaureati con lo scopo di creare un’applicazione di carpooling riservata agli studenti universitari. Gli studenti dell’ateneo bergamasco possono trovare e scaricare la versione beta dell’applicazione su App Store e Google Play (cercare: Ride, Carpooling Universitario). «Si tratta di un test pilota fondamentale che durerà sei mesi – spiega Rossella Migliorati – capiremo le potenzialità della nostra app in base al suo gradimento e al suo utilizzo: nel frattempo stiamo prendendo contatti con diverse università italiane per lanciarla tra i loro iscritti da settembre». Attualmente l’app è riservata a quelli dell’università di Bergamo: per usarla, è necessario essere in possesso dell’indirizzo mail che l’ateneo bergamasco fornisce a tutti gli studenti. Nata come progetto accademico, U.Go! è diventata famosa grazie alla Start Cup Bergamo e nella compagine è entrata la società Res Academy di Milano.

Si è già strutturata, con vendite e numeri importanti, “Made for School”, l’azienda fondata nel 2012 da Francesco Invernici e Manuel Meinardi, due ex rappresentanti di istituto, per dare alle scuole superiori italiane una nuova immagine partendo dalle felpe e dai giubbini per i loro studenti. Dopo le foto di classe, gli annuari, le magliette e le divise, la novità più recente riguarda la cover degli smartphones: Made For School ha deciso di stringere una partnership con Cover Store, la realtà bresciana che ha aperto più di 70 negozi in Italia (tra diretti e affiliati) producendo ogni anno oltre 200.000 cover. Le due aziende, insieme, puntano quest’anno a produrre 10 mila cover e a distribuirle in 200 istituti scolastici. «L’obiettivo primario di Made For School – sottolinea lo stesso Invernici – è quello di alimentare il senso di appartenenza degli studenti; siamo convinti che questa nuova collaborazione con Cover Store, marchio già riconosciuto e apprezzato dai ragazzi, sia un’ottima opportunità per rendere più cool l’immagine della loro scuola». In cinque anni Made For School ha raggiunto oltre 500 mila ragazzi in 60 città italiane grazie a un team in continua crescita che ad oggi conta su venti collaboratori con un’età media di 27 anni. Partecipata dalla Business Factory OneDay Group srl e Digital Magics spa «Made For School – recita una nota dell’azienda – ha un programma a beve termine di espansione di servizi da offrire agli istituti scolastici, coinvolgendo nuovi importanti partner pubblici e privati, in modo da rendere la comunità locale più partecipativa alla vita della propria scuola».

 

Articolo pubblicato su L’Eco di Bergamo.

Leave a comment